• BENVENUTI
    BENVENUTI

    sul nuovo portale OggiPA.it

  • DIRETTORE RESPONSABILE
    DIRETTORE RESPONSABILE

    Prof. Arturo Bianco

  • QUATTRO AREE TEMATICHE
    QUATTRO AREE TEMATICHE

    Risorse Umane, Finanziario e Tributi Locali, Tecnico e LL.PP, Pensioni e Previdenza

  • FORMAZIONE E QUESITI
    FORMAZIONE E QUESITI

    Inclusi nell'abbonamento PLURIS 6 giornate di formazione organizzate dalla Pubbliformez su tutto il territorio nazionale e l'invio di n°20 quesiti

Approfondimenti...

Quesiti&Risposte

L'Agenda di OggiPA

Corsi di Formazione

RizVN Login



Edizione del 16 Settembre 2014 

La sintesi del DL 90 per il personale

Prof. Arturo Bianco

Art. 1
Abrogazione trattenimenti in servizio dei dipendenti pubblici, con cessazione delle autorizzazioni già rilasciate entro il 31 ottobre.
Art. 2
Collocamento in quiescenza dei dirigenti e dipendenti che hanno raggiunto la soglia dei 62 anni di età e/o quella per potere essere collocati in quiescenza con penalizzazioni. Non devono derivare conseguenze negative per la funzionalità dell’ente

Rimborso delle spese legali nei giudizi contabili

Dott. Pietro Rizzo

Una specifica normativa disciplina il rimborso delle spese legali ai dipendenti degli enti locali  per i giudizi contabili, diversa da quella che riguarda i procedenti penali poiché differente è sia la fattispecie che la ratio delle norme.Dinanzi al giudice della responsabilità amministrativo - contabile, il regolamento delle spese trova disciplina nell'art. 3, comma 2 bis, del decreto legge 23 ottobre 1996 n. 543, convertito nella legge 20 dicembre 1996 n. 639, secondo il quale le spese legali  sostenute per il proprio avvocato, sono a carico dell'amministrazione di appartenenza quando l’incolpato viene definitivamente prosciolto.

Sulla configurazione giuridica dell’aggiudicazione provvisoria

Dott. Stefano Usai

La recente giurisprudenza amministrativa ha definitivamente chiarito il valore giuridico dell’aggiudicazione provvisoria qualificandola come mero atto endo- procedimentale  incapace di creare posizioni giuridiche qualificate a favore del soggetto interessato, lasciando sostanzialmente libera la stazione appaltante di valutare se proseguire la procedura di assegnazione dell’appalto con la definitiva aggiudicazione oppure di non assegnare la commessa ritenendo l’offerta ricevuta  non conveniente o, comunque, non congrua rispetto all’oggetto dell’appalto.

Cosa succede quando il nucleo di valutazione non svolge correttamente il proprio dovere

Dott. Claudio Carbone

Premessa

In una recente sentenza, la n. 403 del 5 maggio 2014, la Corte dei Conti, Sezione Giurisdizionale per il Lazio, ha condannato il segretario, il Presidente Pro tempore ed il nucleo di valutazione in ordine all’attività svolta da un dirigente a seguito di un incarico di studio il cui svolgimento ed i successivi risultati sono stati verificati in maniera superficiale, senza svolgere un’accurata istruttoria, che avrebbe comportato l’acquisizione di adeguata documentazione comprovante l’effettivo svolgimento della prestazione del dirigente.

La riforma della Pubblica Amministrazione: le ultime parziali sorprese

Dott. Villiam Zanoni

C’eravamo lasciati alla fine di luglio, prima della pausa estiva, con alcune valutazioni su cui è assolutamente necessario tornare. La prima era riferita al decreto legge n° 66/2014, convertito in legge n° 89/2014, all’interno del quale avevamo sottolineato le problematicità previdenziali legate al nuovo massimale retributivo dei 240.000 euro, auspicando chiarimenti da parte degli organi preposti.

Seguici sui Social Network

Contattaci

Redazione: Dott.ssa Alessia Gagliano

  • Tel: +39 095 437045
  • Fax: +39 095 7164114
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter OggiPA