• BENVENUTI
    BENVENUTI

    sul nuovo portale OggiPA.it

  • DIRETTORE RESPONSABILE
    DIRETTORE RESPONSABILE

    Prof. Arturo Bianco

  • QUATTRO AREE TEMATICHE
    QUATTRO AREE TEMATICHE

    Risorse Umane, Finanziario e Tributi Locali, Tecnico e LL.PP, Pensioni e Previdenza

  • FORMAZIONE E QUESITI
    FORMAZIONE E QUESITI

    Inclusi nell'abbonamento PLURIS 6 giornate di formazione organizzate dalla Pubbliformez su tutto il territorio nazionale e l'invio di n°20 quesiti

Approfondimenti...

Quesiti&Risposte

L'Agenda di OggiPA

Corsi di Formazione

RizVN Login



Edizione del 30 Ottobre 2014 

Le spese per le assunzioni e per il personale

Prof. Arturo Bianco

Le amministrazioni locali devono conteggiare, ai fini del calcolo del tetto alla spesa del personale, gli oneri per le assunzioni che sono finanziate da altri soggetti pubblici. Al di fuori di tale tetto vanno solamente quelle finanziate con fondi comunitari e/o con risorse provenienti da privati. A dare questa soluzione è la deliberazione n. 21 del 3 ottobre della sezione autonomie della Corte dei Conti.La spesa per il personale deve comprendere gli oneri che sono stati effettivamente sostenuti e non anche quelli che, sia pure previsti, non si sono effettivamente realizzati. In questa direzione va il parere della sezione autonomie della Corte dei Conti n. 25 dello scorso 6 ottobre.

Gli uffici legali dei Comuni

Dott. Pietro Rizzo

Con la recente sentenza n. 728 dell'11/10/2014, la prima sezione del Tribunale Amministrativo Regionale per la Basilicata ha chiarito molti aspetti inerenti gli uffici legali dei Comuni.Tale pronuncia stabilisce che, al soggetto preposto alla direzione di un Avvocatura di un Ente Pubblico di rilevanti dimensioni, composta da più Avvocati, può essere attribuita anche la qualifica dirigenziale, fermo restando che il rapporto tra Avvocato Dirigente ed Avvocato funzionario Categoria D corrisponde ad una relazione di coordinamento.

Conseguenze di una sentenza passata in giudicato sull’art.42-bis TUE

Dott. Marco Morelli

E’ vero, l’atto di acquisizione di cui all’art.42-bis del d.P.R. n. 327/01, è un atto a totale discrezionalità dell’ente agente che, può disporre o meno la acquisizione al proprio patrimonio indisponibile di un bene modificato in assenza di valida ed efficace dpu o in assenza di valido ed efficace decreto di esproprio.

L’accesso all’offerta di gara e la ratio del suo differimento

Dott. Stefano Usai

Premessa

Una delle questioni che maggiormente impegnano il RUP nel procedimento di gara riguarda sicuramente la gestione di richieste di accesso alle offerte presentate dai partecipanti alla competizione soprattutto quando il procedimento non si è ancora concluso con l’assegnazione definitiva dell’appalto.

Tari: l’applicazione ai locali privi di utenze e di arredo

Dott. Claudio Carbone

Premessa

Il comma 641, dell’articolo 1, della legge di stabilità per il 2014, individua quale presupposto della Tari il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo, di locali o di aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. Sono escluse le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, non operative, e le aree comuni condominiali non detenute o occupate in via esclusiva.

Non tutti i trattenimenti in servizio sono revocabili e non tutti possono essere negati

Dott. Francesco Disano

Il comma 1, dell’art.1, della  legge 11.08.2014,  n. 114,  ha abrogato una  delle  ultime  residue possibilità per i  dipendenti pubblici  di poter accedere al  beneficio  del   trattenimento in servizio per un biennio oltre i limiti  ordinamentali di età, così come era  stato in   origine previsto  dall’articolo 16  del  Decreto  legislativo  n. 503/1992.

Seguici sui Social Network

Contattaci

Redazione: Dott.ssa Alessia Gagliano

  • Tel: +39 095 437045
  • Fax: +39 095 7164114
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter OggiPA