Direttore di Redazione: Dott. Arturo Bianco  

 

Accesso Abbonati

Piano Abbonamenti 2019-2020

   

Cosa è compreso nell'abbonamento:
- L'accesso al sito e la libera consultazione del periodico (articoli e rubriche);
- Invio di Newsletter periodiche;
- Offerte riservate accessibili tramite invito (convenzioni con società partner, campagne di preiscrizione, ecc);
- 6 (sei) giornate gratuite di Formazione ed Aggiornamento organizzate da Pubbliformez su tutto il territorio nazionale;
- 20 (venti) quesiti a cui risponderanno i nostri esperti;
- Sconto del 20% sul costo delle giornate di Formazione ed Aggiornamento acquistate in eccedenza alle 6 (sei) giornate gratuite.

Clicca qui per scaricare la brochure e il modulo di adesione

 

Archivio "Quesiti e Risposte"

Il duplice taglio del fondo

Scritto da

Se il fondo del 2016 supera quello del 2015 e se il numero dei dipendenti in servizio è diminuito si deve fare un taglio duplice al fondo per la contrattazione decentrata?

Le amministrazioni devono in ogni caso garantire che il fondo del 2016 non superi, complessivamente, cioè come somma della parte stabile e di quella variabile, il fondo del 2015. Dopo di che occorre operare il taglio dello stesso in misura proporzionale alla diminuzione del personale in servizio, tenendo conto delle capacità assunzionali. Per cui nel caso specifico il taglio va operato 2 volte.

Il tetto al fondo

Scritto da

Nel tetto al fondo per le risorse decentrate devono essere previsti anche le indennità di posizione e di risultato delle posizioni organizzative?

La risposta dipende dalla presenza o meno di dirigenti nell’ente. Nel caso di amministrazioni in cui vi sono i dirigenti il trattamento economico accessorio delle posizioni organizzative è alimentato dal fondo per la contrattazione decentrata, parte stabile. Per cui il tetto è dettato complessivamente per il fondo e non è necessario prevederne uno specifico.
Nel caso delle amministrazioni prive di dirigenti, la erogazione di queste risorse è alimentata direttamente dal bilancio. Per la deliberazione della sezione autonomie della corte dei conti n. 26/2014, che si è pronunciata sul dettato dell’articolo 9, comma 2 bis, del d.l. n. 78/2010, ciò determina come conseguenza la necessità di dettare lo stesso vincolo a queste risorse.

Le assunzioni con procedure ordinarie

Scritto da

Il comune può dare corso ad effettuare assunzioni con procedure ordinarie, quali lo scorrimento di una graduatoria ancora valida?

La possibilità di tornare a dare corso ad assunzioni con procedure ordinarie è prevista una volta che nella regione siano stati collocati tutti i dipendenti degli enti di area vasta dichiarati in sovrannumero. Tale accertamento è effettuato tramite lo specifico portale da parte del Ministero della Funzione Pubblica

Le assunzioni di dirigenti

Scritto da

Il comune può dare corso alla assunzione di un dirigente nel corso del 2016?

La legge di stabilità del 2016 sicuramente inibisce le assunzioni a tempo indeterminato di dirigenti, visto che riserva espressamente le capacità assunzioni solamente al personale che non ha qualifica dirigenziale. Sulla possibilità di effettuare assunzioni a tempo determinato, ivi compreso il ricorso all’articolo 110 del DLgs n. 267/2000, vi sono dei dubbi nel caso in cui il posto fosse vacante alla data dello scorso 15 ottobre.

Il tetto di spesa per le assunzioni

Scritto da

Quale è il tetto di spesa per le assunzioni di personale a tempo indeterminato nel 2016 da parte dei comuni?

Il tetto è fissato nel 25% della spesa del personale cessato nell’anno precedente. Per le assunzioni dei dipendenti in sovrannumero degli enti di area vasta si continuano ad applicare i tetti previsti dalla legge di stabilità 2015, cioè 80% della spesa dei cessati che negli enti in cui il rapporto tra spesa del personale e spesa corrente è inferiore al 25% sale al 100%. Si deve chiarire se si può continuare a dare corso ad assunzioni a tempo indeterminato utilizzando i resti dei risparmi delle cessazioni del triennio precedente.

Il mancato rispetto del tetto ai tempi di pagamento

Scritto da

Il mancato rispetto nell’anno precedente del tetto fissato dal DL n. 66/2014 ai tempi di pagamento determina il divieti di effettuare assunzioni di qualunque tipo?

Sulla base delle previsioni di cui al DL n. 101/2013 le assunzioni cd obbligatorie devono essere disposte anche da parte delle amministrazioni che non hanno rispettato i vincoli dettati dal legislatore. Sulla base delle previsioni di cui al DL n. 78/2015 tale divieto non si applica alle assunzioni di personale in sovrannumero degli enti di area vasta.

La programmazione del fabbisogno

Scritto da

E’ necessario che le capacità assunzionali degli anni precedenti fossero state previste nella programmazione del fabbisogno del personale dell’anno in cui esse sono maturate?

Fermo restando che ovviamente la utilizzazione di queste capacità assunzionali deve essere prevista nell’anno in cui la stessa viene realizzata, vi sono opinioni diverse nelle sezioni regionali di controllo della magistratura contabile sulla necessità della inclusione nella programmazione del fabbisogno dell’anno in cui essa è maturata. Una previsione esplicita in questo senso non è contenuta in alcuna disposizione di legge.

Le capacita’ assunzionali degli anni precedenti

Scritto da

Quali sono le capacità assunzionali degli anni precedenti non utilizzate che i comuni possono destinare a nuove assunzioni a tempo indeterminato?

Le capacità assunzionali non utilizzate che i comuni possono destinare a nuove assunzioni a tempo indeterminato sono quelle del triennio precedente, quindi nel 2015 del triennio 2012/2014. Si ricorda che le capacità assunzionali sono costituite da una quota dei risparmi derivanti dalle cessazioni dell’anno precedente, per cui nel 2015 si possono utilizzare i resti delle cessazioni del triennio 2011/2013. A partire dal 2016 tale triennio si modifica, per cui si “perdono” le capacità assunzionali del 2012, cioè i resti delle cessazioni del 2011.

Le posizioni organizzative

Scritto da

I vigili titolari di posizione organizzativa hanno diritto alla erogazione della indennità di turno?

Il trattamento economico di posizione e di risultato dei titolari di posizione organizzativa ha carattere onnicomprensivo di ogni altra indennità, tranne le eccezioni previste espressamente dai contratti nazionali. La indennità di turno non è prevista tra tali eccezioni, per cui essa non può essere erogata, al pari ad esempio dello straordinario, ai titolari di posizione organizzativa.

La durata settimanale

Scritto da

L’orario di servizio, per potere dare corso alla erogazione della indennità di turno, deve essere svolto necessariamente per tutti i 7 giorni della settimana?

Non occorre che l’orario di servizio sia articolato per tutti i 7 giorni della settimana. E’ sufficiente che esso preveda almeno 5 giorni di impegno. L’Aran ricorda che comunque devono essere necessariamente incluse anche le giornate di festività infrasettimanali.

Pagina 13 di 14