Corsi accreditati OIV

Ottieni i 40 crediti obbligatori per mantenere l'iscrizione nell'albo dei componenti degli OIV

PUBBLIFORMEZ in convenzione con UNIVERSITA' DEL PIEMONTE ORIENTALE, ente accreditato dalla Scuola Nazionale dell’Amministrazione per l’erogazione della formazione continua per gli iscritti nell’Elenco nazionale dei componenti degli OIV (Organismi Indipendenti di Valutazione della performance), ai sensi di quanto previsto dal DM 6 agosto 2020, vi propone un vasto catalogo formativo composto da corsi online sia in diretta che registrati, che vi permetteranno di ottenere i 40 crediti validi per la formazione obbligatoria dei componenti degli OIV. 

Si segnala che sono immediatamente disponibili ed erogabili, in modalità webinar asincrona (registrati), i moduli ID 1.2 (4 crediti), ID 1.3 (10 crediti), ID 2 (20 crediti) e ID 7 (9 crediti)

E' possibile acquistare l'intero pacchetto da 43 crediti formativi a tariffa agevolata.  Contattare la segreteria allo 095437045 per maggiori informazioni

Clicca qui per scaricare la brochure dei corsi

Accesso Abbonati

Archivio "Area Risorse Umane"

IL PIAO: UNA NUOVA REGOLA: ERA NECESSARIA? IL CAMBIAMENTO È AFFIDATO SOLO ALLA PRODUZIONE NORMATIVA?

Scritto da

IL PIAO: UNA NUOVA REGOLA: ERA NECESSARIA? IL CAMBIAMENTO È AFFIDATO SOLO ALLA PRODUZIONE NORMATIVA?

di Pietro Curzio

Nel mese di dicembre 2021 è stato presentato il PIAO introdotto dal D.L.n. 80/2021, convertito nella legge n. 113 dello stesso anno, il cui articolo 6 introduce il nuovo strumento di programmazione; del PIAO sono state descritte nell’articolo le caratteristiche ed i contenuti, in attesa di uno o più D.P.R. che dovranno raccordare il nuovo atto con i precedenti piani che in esso confluiranno, ed in attesa del decreto del Ministro per la FP che adotterà un piano tipo.

DURATA DEGLI INCARICHI DEI DIRIGENTI A CONTRATTO

Scritto da

DURATA DEGLI INCARICHI DEI DIRIGENTI A CONTRATTO

di Salvio Biancardi

In tema di affidamento, negli enti locali, di incarichi dirigenziali a soggetti esterni all’amministrazione si applica l’art. 19 d.lgs. n. 165 del 2001 secondo cui la durata di tali incarichi non può essere inferiore a tre anni né eccedere il termine di cinque, e non già l’art. 110, comma 3, d.lgs. n. 267 del 2000 (T.U. Enti locali). Lo ha precisato la Corte dei conti, Sez. di controllo per la Regione Emilia Romagna nel parere n. 220/2021.

DAL 1.1.2022 ENTRA IN CAMPO LA NUOVA IRPEF

Scritto da

DAL 1.1.2022 ENTRA IN CAMPO LA NUOVA IRPEF

di Pierluigi Tessaro

L’accordo politico raggiunto giovedì 25 novembre 2021 fra il Ministro dell'Economia Franco e i rappresentanti delle forze politiche è servito a definire lo stanziamento di 8 miliardi di euro destinato alla riduzione delle imposte a partire dal prossimo anno. Nello specifico, 7 miliardi andranno a ridurre gli scaglioni e le aliquote IRPEF, mentre 1 miliardo sarà destinato alla diminuzione dell'Irap.

ONNICOMPRENSIVITA’ DELLA RETRIBUZIONE E COMPENSI PER LA FUNZIONE DI PRESIDENTE E/O MEMBRO DELLA COMMISSIONE PER PUBBLICI CONCORSI

Scritto da

ONNICOMPRENSIVITA’ DELLA RETRIBUZIONE E COMPENSI PER LA FUNZIONE DI PRESIDENTE E/O MEMBRO DELLA COMMISSIONE PER PUBBLICI CONCORSI

di Salvio Biancardi

A seguito delle modifiche apportate dall’art. 18, comma 1-ter, lettere b) e c), del decreto legge n. 162/2019, la disciplina prevista dall’art. 3, commi 13 e 14, della legge n. 56/2019 in materia di compensi dovuti per l’attività di presidente o di membro della commissione esaminatrice dei concorsi per l’accesso a un pubblico impiego indetti dalle amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, e degli enti pubblici non economici nazionali, non può essere estesa ai concorsi indetti dagli enti locali, trattandosi di disposizioni eccezionali che non possono essere interpretate estensivamente, né in analogia.

L’INPS EROGHERÀ L’ASSEGNO UNICO UNIVERSALE A MARZO 2022

Scritto da

L’INPS EROGHERÀ L’ASSEGNO UNICO UNIVERSALE A MARZO 2022

di Pierluigi Tessaro

L’INPS erogherà l’assegno unico universale a partire dal mese di marzo 2022, anche se le domande da parte delle famiglie con figli fino a 21 anni potranno essere trasmesse all’istituto previdenziale dal mese di gennaio. Per i titolari di redditi più bassi, l’importo mensile da corrispondere dovrebbe aggirarsi intorno ai 180 euro mensili per figlio, con un incremento fino a 250-260 euro per figlio dal terzo in poi o in caso di disabilità.

INCENTIVI TECNICI AL PERSONALE. LE RISORSE CORRISPONDENTI ALLE FUNZIONI NON SVOLTE CONFLUISCONO NEL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE

Scritto da

INCENTIVI TECNICI AL PERSONALE. LE RISORSE CORRISPONDENTI ALLE FUNZIONI NON SVOLTE CONFLUISCONO NEL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE

A cura di Salvio Biancardi

Le risorse economiche degli incentivi concernenti le funzioni non svolte, non possono essere re distribuite, ma confluiscono nel risultato di amministrazione. Lo ha rammentato la Corte dei conti, sez. regionale di controllo per la Regione Lombardia, n. 131 del 23 settembre 2021.

L’ACCORDO SULLA MODALITÀ DI ADESIONE ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NEL PUBBLICO IMPIEGO CON LA FORMA DEL SILENZIO-ASSENSO

Scritto da

L’ACCORDO SULLA MODALITÀ DI ADESIONE ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NEL PUBBLICO IMPIEGO CON LA FORMA DEL SILENZIO-ASSENSO

di Pierluigi Tessaro

Giovedì 16/9/2021 è stato sottoscritto in via definitiva l’accordo fra Aran ed Organizzazioni Sindacali per regolamentare le modalità di adesione alla Previdenza complementare nel Pubblico Impiego con la forma del silenzio-assenso.

QUANDO È POSSIBILE MONETIZZARE LE FERIE?

Scritto da

QUANDO È POSSIBILE MONETIZZARE LE FERIE?

di Pierluigi Tessaro

La possibilità di monetizzare le ferie è un problema che può presentarsi in caso di cessazione dal servizio del dipendente.

E’ possibile o no liquidare le ferie ai dipendenti?

E se sì, quando è possibile farlo?

LA GRANDE DIMENTICATA

Scritto da

 LA GRANDE DIMENTICATA

di Enrica Conti e Maria Grazia Luzzini

“Più sarà grande la conoscenza di ciò che bisogna fare, maggiore sarà il potere di sapere cosa fare” Benjamin Disraeli (Primo Ministro inglese)

Nel variegato e ampio panorama della formazione vi è una grande dimenticata, la valutazione di esito.

I vantaggi che ne derivano possono essere  innumerevoli, come vedremo, e così importanti che sorge una domanda semplice: perché non viene fatta?

Quando viene discussa e illustrata sul piano teorico si enumerano sempre le opportunità che offre e sono così rilevanti che torna la domanda base? Perché non fare la valutazione di esito dei processi formativi?

I REDDITI DA ESCLUDERE IN SEDE DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI

Scritto da

I REDDITI DA ESCLUDERE IN SEDE DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI

di Pierluigi Tessaro

La fase di compilazione e consegna della dichiarazione dei redditi risulta molto delicata e non sempre risulta facile individuare quelli da inserire rispetto a quelli da non inserire.

Copyright © 2021 OggiPA.it Tutti i diritti riservati.

Direttore di Redazione: Dott. Arturo Bianco

Editore: Pubbliformez s.r.l. - Autorizzazione Tribunale di Catania n°7/2013

Sede: Via Caronda 136 - 95128 Catania - P.IVA 03635090875

Recapiti: Tel. 095/437045 - Fax 095/7164114 - email: claudiogagliano@oggipa.it