Corsi accreditati OIV

Ottieni i 40 crediti obbligatori per mantenere l'iscrizione nell'albo dei componenti degli OIV

PUBBLIFORMEZ in convenzione con UNIVERSITA' DEL PIEMONTE ORIENTALE, ente accreditato dalla Scuola Nazionale dell’Amministrazione per l’erogazione della formazione continua per gli iscritti nell’Elenco nazionale dei componenti degli OIV (Organismi Indipendenti di Valutazione della performance), ai sensi di quanto previsto dal DM 6 agosto 2020, vi propone un vasto catalogo formativo composto da corsi online sia in diretta che registrati, che vi permetteranno di ottenere i 40 crediti validi per la formazione obbligatoria dei componenti degli OIV. 

Si segnala che sono immediatamente disponibili ed erogabili, in modalità webinar asincrona (registrati), i moduli ID 2 (20 crediti) e ID 7 (9 crediti)

Clicca qui per scaricare la brochure dei corsi

Accesso Abbonati

I REDDITI DA ESCLUDERE IN SEDE DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI

di Pierluigi Tessaro

La fase di compilazione e consegna della dichiarazione dei redditi risulta molto delicata e non sempre risulta facile individuare quelli da inserire rispetto a quelli da non inserire.

L’art. 3 del D.P.R. 917/86 prevede che tutti i redditi percepiti ed imponibili debbano essere indicati in sede di dichiarazione dei redditi.

Lo stesso articolo indica anche alcune fattispecie particolari di redditi escluse dalla dichiarazione.

Si tratta dell’assegno di maternità, per le donne non lavoratrici, previsto dalla l. 448/98, le rendite Inail, ad eccezione dell’indennità giornaliera per inabilità temporanea assoluta, gli assegni per la collaborazione ad attività di studio o di ricerca conferiti da università ed enti pubblici, le pensioni erogate ai cittadini resi invalidi e ai congiunti di cittadini italiani deceduti a seguito di scoppio di armi e ordigni esplosivi lasciati incustoditi, i voucher Inps per l’attività di lavoro occasionale accessorio, gli assegni familiari e l’assegno per il nucleo familiare, gli emolumenti per carichi di famiglia comunque denominati erogati nei casi consentiti dalla legge, i trattamenti previdenziali come nel caso del TFS o del TFR.

Per quanto riguarda il TFR, bisogna precisare che tali trattamenti non vanno indicati nel modello 730 perché vengono assoggettati al regime speciale della tassazione separata, a mente dell’art. 17, comma 1, del D.P.R. 917/86, dove viene specificato che la tassazione separata si applichi al “trattamento di fine rapporto di cui all’art. 2120 del C.C. e indennità equipollenti, comunque denominate, commisurate alla durata dei rapporti di lavoro dipendente”.

Di conseguenza, tali importi, così come le anticipazioni e le indennità equipollenti erogate a tale titolo, pur essendo indicate nella certificazione unica ai punti da 801 a 813, non devono essere dichiarati nel modello 730, perché non rientranti nel reddito complessivo ai fini del pagamento dell’Irpef e delle relative addizionali regionali e comunali.

Informazioni aggiuntive

  • Profilo Autore: Esperto nella gestione economica e contabile delle risorse umane nella P.A.
Letto 543 volte

Copyright © 2021 OggiPA.it Tutti i diritti riservati.

Direttore di Redazione: Dott. Arturo Bianco

Editore: Pubbliformez s.r.l. - Autorizzazione Tribunale di Catania n°7/2013

Sede: Via Caronda 136 - 95128 Catania - P.IVA 03635090875

Recapiti: Tel. 095/437045 - Fax 095/7164114 - email: claudiogagliano@oggipa.it