Direttore di Redazione: Dott. Arturo Bianco  

 

Accesso Abbonati

Piano Abbonamenti 2019-2020

   

Cosa è compreso nell'abbonamento:
- L'accesso al sito e la libera consultazione del periodico (articoli e rubriche);
- Invio di Newsletter periodiche;
- Offerte riservate accessibili tramite invito (convenzioni con società partner, campagne di preiscrizione, ecc);
- 6 (sei) giornate gratuite di Formazione ed Aggiornamento organizzate da Pubbliformez su tutto il territorio nazionale;
- 20 (venti) quesiti a cui risponderanno i nostri esperti;
- Sconto del 20% sul costo delle giornate di Formazione ed Aggiornamento acquistate in eccedenza alle 6 (sei) giornate gratuite.

Clicca qui per scaricare la brochure e il modulo di adesione

 

L’APPLICAZIONE DEL CONTRATTO NAZIONALE

Di Arturo Bianco

contrattoIl tetto al fondo per le risorse decentrate deve essere applicato in modo distinto al personale ed alla dirigenza. I risparmi del fondo per il lavoro straordinario vanno inseriti nel fondo per la contrattazione decentrata dell’anno successivo e si devono considerare compresi nel tetto complessivo del salario accessorio. Il finanziamento degli incrementi che gli enti devono disporre per adeguare le indennità al miglioramento del trattamento economico fondamentale non consente alcun incremento del fondo. L’aumento di 83,20 per ogni dipendente va disposto, per il personale delle province trasferito alle regioni, dalle prime e non dalle seconde. Sono queste le più recenti indicazioni dettate dalla Ragioneria Generale dello Stato sull’applicazione del CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro).

IL TETTO DEL FONDO

In modo “prevalente” occorre giudicare che “a decorrere dal 2010 il contenimento della crescita del salario accessorio è considerato distintamente per il personale dirigente e per il personale non dirigente” e di conseguenza “lo spostamento di risorse da una categoria di personale all’altra consentito grazie alla verifica a livello complessivo dei vincoli di contenimento previsti dall’articolo 23, comma 2, del D.Lgs. n. 75/2017 si ritiene non praticabile. La Ragioneria Generale dello Stato, Ispettorato per gli ordinamenti del personale e l’analisi dei costi del lavoro pubblico” richiama le proprie circolari 12/2011 e 25/2012, nonché il parere 63898/2015. Per cui, viene giudicata in controtendenza e, dobbiamo aggiungere, non applicabile la deliberazione della sezione regionale di controllo della Corte dei Conti della Puglia n. 27/2019, per la quale il calcolo del tetto del fondo deve “intendersi riferito al complesso del personale”.

Nel parere viene inoltre aggiunto che “non appare percorribile intervenire sulle risorse accessorie di un’altra categoria o compensare riduzioni di personale di categorie con importi di salario accessorio non differenziati anche in considerazione dei problemi applicativi connessi con il recupero del personale temporaneamente ridotto”. Queste indicazioni si applicano anche al tetto del salario accessorio dettato dall’articolo 23, comma 2, del D.Lgs. n. 75/2017 “in considerazione degli effetti distorsivi che si determinerebbero spostando risorse dall’una all’altra categoria di personale, con il solo vincolo del rispetto del limite finanziario imposto dalla norma, considerato nel suo complesso”.

Ed infine “per il segretario comunale o per gli incaricati di posizione organizzativa, il cui accessorio grava sul bilancio, eventuali risparmi costituiscono, al contrario, economie di bilancio che non possono essere riutilizzate”.

I RISPARMI DEL FONDO PER LO STRAORDINARIO

I risparmi del fondo per il lavoro straordinario vanno utilizzati come incremento del fondo per il salario accessorio del personale dell’anno successivo, dobbiamo aggiungere che tale incremento deve essere inserito nella parte variabile. Viene evidenziato che siamo dinanzi ad un vincolo e che tali risorse “sono da considerarsi come un trasferimento temporale di risorse legittimamente a disposizione degli enti”.

Circa l’inserimento o meno nel tetto del fondo il parere va nella direzione positiva, che modifica quanto detto negli anni passati dalla stessa Ragioneria Generale dello Stato, richiamando “quanto più volte indicato dalla Corte dei Conti circa la circostanza che tali risorse rientrano nel limite previsto dall’articolo 23, comma 2, D.Lgs. n. 75/2017”.

GLI INCREMENTI DELLE INDENNITA’ PER L’AUMENTO DELLO STIPENDIO

Gli incrementi del trattamento economico fondamentale non consentono di disporre aumenti del fondo per il salario accessorio per corrispondere gli incrementi che si determinano sulle indennità per il personale. Il parere richiama le circolari della stessa RGS n. 12/2011 e 25/2012.
In primo luogo, viene ricordato che per l’articolo 65, comma 1, del CCNL 21.5.2018 ha disposto, in coerenza con le precedenti disposizioni contrattuali, che gli aumenti del trattamento economico fondamentale “hanno effetto, dalle singole decorrenze, su tutti gli istituti di carattere economico per la cui quantificazione le vigenti disposizioni prevedono un rinvio allo stipendio tabellare”, quindi per lo straordinario, il turno, il trattamento economico per le attività aggiuntive svolte in giornata festiva.
Sulle conseguenze che si determinano, viene infine aggiunto che “l’articolo 67, comma 2, CCNL 21.5.2018 in relazione agli incrementi automatici richiamati, non prevede alcun incremento della retribuzione accessoria complessivamente considerata”.

L’INCREMENTO DEL FONDO PER LA CONTRATTAZIONE DECENTRATA

L’aumento di 83,20 euro per ogni dipendente in servizio al 31.12.2015 deve essere effettuato dalle province e non dalle regioni presso le quali tali dipendenti sono stati trasferiti successivamente.

La norma contrattuale prevede questo incremento, che peraltro va in deroga al tetto del fondo, sulla base del personale in servizio al 31.12.2015. Sulla base di questa scelta contrattuale si deve ritenere, ci dice la RGS, “che tale incremento spetti alle province dove tale personale era in servizio a quella data e non alle regioni, dove tale personale è stato successivamente trasferito”. Si ricorda che è necessario applicare il principio di neutralità finanziaria individuato dal CCNL”.

Ricordiamo che, per l’Aran, questi aumenti vanno calcolati e corrisposti in misure piena anche per i dipendenti in part time e per quelli a tempo determinato.

Letto 355 volte